Claudio Santamaria, meglio non sapere di essere traditi

di Fabiana 192 views0

Claudio Santamaria sta per tornare in televisione nella nuova serie Rai È arrivata la felicità dove interpreta un architetto tradito dalla moglie che non riesce ancora a dimenticare.

Nella vita reale però l’attore è un tipo completamente diverso rispetto al suo personaggio che tenta di restare ancorato al suo passato.

Non starei mai dietro a una persona che mi ha lasciato in quel modo. Soffrirei ma me ne farei una ragione. Se senti che una relazione si sta sfaldando, è giusto cercare di “lavorarci”, capire dove stai sbagliando, che cosa non stai mettendo di te stesso in quella storia. Ma se l’altra non mi vuole più, che posso fare?

Ha dichiarato intervistato da Vanity Fair. Insomma, va bene impegnarsi, ma non certo insistere troppo: quando la storia finisce, finisce.
L’attore è stato legato in passato a Delfina Delettrez-Fendi, figlia di Silvia Venturini Fendi con cui ha avuto una figlia, Emma, nata nel 2007 e dopo una storia di alti e bassi con Vittoria Puccini (dopo la fine della relazione con Alessandro Preziosi) sembra aver trovato di nuovo l’amore accanto alla sua nuova compagna.

VITTORIA PUCCINI COMMENTA GLI EX, ALESSANDRO PREZIOSI E CLAUDIO SANTAMARIA

Se ho il sospetto di essere tradito, lo voglio sapere. Però, se tengo veramente tanto a quella persona e sento che lei mi ama davvero e che magari, se qualcosa è successo, per lei non conta, preferisco non sapere niente.

Ha detto l’attore spiegando un po’ il suo rapporto con l’amore. D’altra parte Santamaria non nasconde di essere un tipo romantico che nonostante tutto non riesce a non combinare qualche disastro nelle relazioni, ma tutto sommato si definisce un romantico alquanto soddisfatto della sua carriera professionale.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>