Facchinetti difende Francesco Sole dopo l’auto in fiamme

di Gianni Puglisi 74 views0

Francesco Facchinetti torna a scrivere su Facebook per difendere il suo pupillo Francesco Sole, nei giorni scorsi preso di mira da alcuni sconosciuti che gli hanno dato fuoco alla macchina. Il conduttore ex di Alessia Marcuzzi si dice affatto stupito da quello che è successo. Vediamo cosa ha scritto sul suo profilo Facebook.

Come avrete letto sulla sua pagina facebook, oggi qualcuno ha dato fuoco alla macchina di Francesco Sole. Vorrei essere qui a dirvi che la cosa mi ha stupito e invece no. Ho visto che aria tirava da un po’, ho visto l’odio che si gonfiava con i suoi successi, ho visto quante ne ha sopportate col sorriso nell’ultimo anno e questa, in fondo, c’era da aspettarsela. Non so il perché di tanta barbarie. Siete giovani, avete una vita per realizzare i vostri sogni, per studiare, per sgomitare, per viaggiare, per imparare, per sperimentare e vi comportate come se un ragazzo che ha realizzato il suo, di sogno, avesse inesorabilmente bruciato il vostro. Come se vi avesse tolto una sedia da sotto al culo e foste condannati a una vita mediocre. Per colpa di Francesco Sole. Impegnate le vostre energie a realizzarvi, anziché a odiare, perché odiando sarete meno lucidi, meno creativi, meno sorridenti. Sorridete, perché i veri artisti sono quelli che sorridono, che regalano messaggi positivi, sono quelli che raccontano storie, non quelli che infangano le storie degli altri. Volete le prove? Mettetevi seduti e provate a scrivere due strofe in cui vomitate rabbia e veleno, in cui ve la prendete col raccomandato, col figlio d’arte, con lo stronzo di turno. Vedrete che vi verrà facile. Provate a sedervi e a scrivere che figata è la vita e vedrete che faticherete di più

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>