Caterina Balivo contro i fan su Facebook, ecco perché

di Ma.Ma. 203 views0

Dura la vita per Caterina Balivo che in questi giorni è stata pesantemente criticata per alcune foto da lei stessa postate su Facebook. La prima la ritraeva davanti a un caminetto con un paio di corna di alce come sfondo; la seconda nel salotto di casa insieme al marito e al figlioletto.

Si sa che la gente è sempre pronta a criticare e allora ecco che Caterina Balivo è finita nel mirino. Degli animalisti, per quelle corna che facevano da sfondo al suo bel primo piano; dei perbenisti che si sono chiesti se a casa Balivo esistesse un fotografo che già di prima mattina si rendesse pronto a scattare foto da copertina all’allegra famigliola. Critiche che la presentatrice Rai ha troato ingiuste e non ha perso tempo per fare notare la cosa, infuriandosi sul suo profilo Facebook.

CATERINA BALIVO VOLEVA FARSI SUORA

Buon pomeriggio!
Oggi in relax ho letto i vostri commenti. Non giudico chi scrive contro ma non accetto le cose non vere.
A casa mia non ci sono corna vere di cervo… La foto pubblicata è stata fatta davanti ad un camino al ristorante dove ho cenato con la mia dolce famiglia.
A casa non vivo con fotografi ma siamo una bellissima famiglia allargata con bambini ormai grandi.
Prima di scrivere ca**ate o cattiverie pensate se è il caso. Voi conoscete la mia faccia, io non la vostra… A volte anche i vostri nomi e cognomi sono inventati. Quindi un po’ di rispetto verso chi ci mette la faccia come me.
Invito tutte le persone che mi seguono con il cuore di non rispondere a chi attacca.
Da sempre è mia la filosofia che ” la non curanza è il miglior disprezzo “.
Per un attimo però l’ho dovuta mettere da parte per chiarire queste due cose.
Ora vi lascio vado a farmi tante foto ahahaha

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>