Elisabetta Canalis parla della storia con Clooney

di Stefania Russo Commenta

Elisabetta Canalis in un'intervista rilasciata a La Repubblica ha parlato per la prima volta della storia con George Clooney, l'ex velina sembra una persona..

Elisabetta Canalis in un’intervista rilasciata a La Repubblica ha parlato per la prima volta della storia con George Clooney, l’ex velina sembra una persona nuova, è tranquilla, serena e sembra non temere il giudizio degli altri, nonostante da quando ha iniziato a circolare la notizia della loro storia ne sono state dette di tutti i colori.

Ma Elisabetta ha adottato una misura preventiva, ha spiegato che da quando ha iniziato ad uscire con Clooney si è lasciata alle spalle tutte le cattiverie, è come se avesse innalzato una barriera.


Le cattiverie sono arrivate non solo dai tabloid americani ma anche dai giornali italiani, lei stessa non riesce a comprendere questo accanimento nei suoi confronti, basti pensare che negli ultimi mesi si sono occupati di lei persino alcuni direttori di giornali. Elisabetta, in particolare, ha smentito la notizia relativa alla lite per il poker, ha affermato che sia lei che Clooney non hanno mai giocato a poker, ma non si preoccupano di smentire le notizie non vere, hanno entrambi imparato che la vita privata deve restare tale.

Elisabetta Canalis ha ammesso che incontrare Clooney per lei è stato terapeutico, grazie a lui si sente più donna e ha più fiducia in se stessa.

Sembra propio che l’ex velina sia una delle donne più fortunate del pianeta, oltre ad avere al suo fianco un attore affascinante sta avendo delle soddisfazioni anche dal punto di vista lavorativo, ha già iniziato a girare la serie americana Leverage e ha ammesso che ora valuta le proposte lavorative con maggiore tranquillità, non ha più l’ansia di una volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>