George Clooney si confessa

di Stefania Russo 1

In questi giorni è sul grande schermo con il suo ultimo film "Tra le nuovole" dove interpreta un tagliatore di teste che passa il suo tempo a..

In questi giorni è sul grande schermo con il suo ultimo film “Tra le nuovole” dove interpreta un tagliatore di teste che passa il suo tempo a volare da una città all’altra per licenziare persone al posto delle rispettive aziende che non hanno il coraggio di farlo, un uomo che si dedica completamente al suo lavoro e che non ha intenzione di legarsi sentimentalmente ad un’altra persona e di costruire insieme a lei una famiglia.

Di certo George Clooney di mestiere non fa il tagliatore di teste, altrimenti il suo viso non sarebbe così piacevole da vedere, ma se c’è una cosa in comune con il personaggio e il fatto che in questi anni è sembrato essere allergico alle parole “moglie” e “figli”, almeno fino ad ora visto che la storia con Elisabetta Canalis sembra andare a gonfie vele, non si esclude che l’ex velina sia riuscita a far mettere la testa a posto allo scapolo d’oro di Hollywood.


Ma nell’intervista che ha rilasciato a Chi questa settimana l’attore parla solo del suo lavoro e di quella che è stata la sua vita fino a pochi anni fa, alla domanda che comprende la parola matrimonio com’è suo solito risponde con una battuta e cambia subito discorso.

In ogni caso è lui stesso ad ammettere che in questi anni si è concentrato sempre sul lavoro e non ha mai pensato a costruire una famiglia o ad avere dei figli. Una cosa che gli ha cambiato la vita? L’Italia, ovviamente. L’attore ha infatti raccontato che per lui acquistare la villa di Laglio è stata una vera fortuna, inizialmente l’ha fatto solo come investimento, poi si è accorto che in Italia si sta davvero bene e che qui ci si può rilassare davvero.

Commenti (1)

  1. La Canalis Pussy è un mito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>