Emma Marrone difende la collega Alessandra Amoroso

di Maris Matteucci Commenta

Emma Marrone interviene sulle critiche lanciate alla collega Alessandra Amoroso che si era rifiutata di firmare autografi alla fine di un concerto

Emma Marrone difende a spada tratta la collega e amica Alessandra Amoroso, fortemente criticata, qualche tempo fa, per non aver firmato alcuni autografi ai fans che trepidanti l’aspettavano all’uscita di un concerto.


Fu lo stesso Alfonso Signorini, direttore del settimanale di gossip Chi, a puntare il dito sulla ex vincitrice di Amici accusandola di manie di protagonismo. E qualche tempo dopo ecco che Emma Marrone, interpellata sull’argomento da Panorama, spezza una lancia a favore di Alessandra Amoroso. La salentina compagna di Stefano De Martino (con il quale dovrebbe sposarsi il prossimo anno) afferma di non poter giustificare il gesto della collega ma di poter comprendere che ad un certo punto, specialmente quando si è sottopressione, una persona possa “sclerare”. La Marrone dice che la notorietà è un prezzo abbastanza alto da pagare e solo chi ha a che fare con i riflettori può capire davvero quanto possa essere stressante il dover avere a che fare costantemente con fotografi e giornalisti. Ecco perché la cantante arrivata seconda a Sanremo insieme ai Modà capisce il gesto dell’Amoroso: perché ci sono dei giorni, in cui magari una persona è più stanca, che può capitare di reagire male. La stessa Marrone afferma di avere attraversato le prime fasi della sua notorietà con grande difficoltà, perché non era abituata a essere inseguita dai fotografi che su di lei si sono scatenati dopo che il suo attuale compagno l’aveva mollata su due piedi perché invaghito della ballerina di Amici Giulia Pauselli. Adesso però per la Marrone le cose vanno meglio: anche se vorrebbe finire sui giornali per le sue canzoni e non per le foto scattate mentre è in vacanza con il suo fidanzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>