Ruby Rubacuori testimonial de “Il labirinto femminile”

di Cristina Baruffi 1

Alfonso luigi Marra offre 100 mila euro alla giovane marocchina per essere la testimonial de "Il labirinto femminile".

Ruby Rubacuori non vuole abbandonare le scene e dopo aver chiesto migliaia di euro per essere intervistata, Alfonso luigi Marra offre 100 mila euro alla giovane marocchina per essere la testimonial de “Il labirinto femminile”.
Lo scrittore aveva ingaggiato precedentemente, per pubblicizzare i propri libri, Manuela Arcuri e sua figlia, ma ora ha deciso di affidarsi alla “professionalità” di Ruby per questo nuovo romanzo, che tratta temi importanti come lo strategismo sentimentale di cui Ruby è sicuramente valida testimonial.
Marra riferisce che lo spot uscirà in due versioni, una di 30 secondi, destinata alle reti televisive italiane ed una di 2 minuti, in otto lingue, destinata ad Internet.


Lo scrittore smentisce il cachet troppo elevato di Ruby e confida ai curiosi che nello spot la piccola Rubacuori farà riferimenti indiretti al suo coinvolgimento nello scandalo che ha travolto Berlusconi.
La marocchina appare particolarmente rigida e si nota chiaramente la sua dipendenza dal “gobbo”, peccato che le sue tasche sono sempre più piene da quando il Presidente del Consiglio l’ha invitata alle sue feste. Il video si trova tranquillamente su YouTube.

Commenti (1)

  1. Ecco il nuovo video di Sara Tommasi ‘vestita’ solo di due cuori neri tatuati uno su un seno e uno sotto l’inguine. Una Sara secondo la quale “il vero problema è che qui ormai fa schifo la gente”, a partire dai milioni di ‘onesti’ pronti a cercare di fermare il vero cambiamento con il silenzio o la denigrazione per il puro gusto di prostituirsi, gratis, alle forze e alle concezioni dominanti.

    Guarda qui:
    http://www.stopbanche.com/video/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>