Diego Ciaramella e Martina Giuffrida scoperti dalla redazione di Uomini e donne

di Maris Matteucci Commenta

Diego Ciaramella e Martina Giuffrida scoperti dalla redazione di Uomini e donne: saranno invitati in studio

C’è grande confusione intorno a Diego Ciaramella e Martina Giuffrida che per lungo tempo hanno animato il trono blu di Uomini e donne. Il napoletano era il tronista mentre Martina, anche lei campana, era scesa in studio per corteggiarlo.

Un feeling immediato fatto di baci appassionati ed esterne particolarmente “intense”: poi, ad uncerto punto, Diego Ciaramella ha deciso di abbandonare improvvisamente Uomini e donne. Il motivo era da rintracciare in un incontro fatto fuori dal programma che gli avrebbe cambiato la vita.


Mi sono innamorato di una donna conosciuta fuori – aveva detto a suo tempo Diego Ciaramella – e quindi sono intenzionato ad abbandonare Uomini e donne“. La decisione del tronista non era andata giù all’opinionista Tina Cipollari che, in un momento di rabbia esasperata, aveva pure tirato uno schiaffo a Diego Ciaramella che per contro aveva minacciato di denunciarla.

Dopo l’abbandono di Uomini e donne, però, Diego Ciaramella e Martina Giuffrida sono stati avvistati spesso insieme per locali, in atteggiamenti intimi. Lecito dunque pensare che la donna di cui Diego Ciaramella si era innamorato fosse proprio la corteggiatrice di Uomini e donne che in effetti, alla notizia del suo abbandono, non era apparsa particolarmente affranta.

ALESSANDRO PESS NUOVO TRONISTA AL POSTO DI DIEGO CIARAMELLA: FOTO E SCHEDA

Così, secondo le prime indiscrezioni, Maria De Filippi avrebbe preso subito in mano la situazione e avrebbe contattato i due ex protagonisti di Uomini e donne per farli andare in studio a chiarire una situazione che, al momento, di chiaro ha davvero ben poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>