Principe Ernst August di Hannover deve pagare

di Marina Pellegrino Commenta

La Corte Tedesca lo ha condannato a pagare una multa di 200 mila euro per aver aggredito, nel 2000 in Kenia, il manager di un hotel..

Tempi duri per il Principe Ernst August di Hannover, marito della principessa Carolina di Monaco.

La sua intemperanza e la perdita di controllo (spesso dovuti all’abuso di alcool che lo ha ormai reso più famoso del semplice fatto d’essere il consorte di Carolina) gli sono, è il caso di dirlo, costate care.



La Corte Tedesca lo ha condannato a pagare una multa di 200 mila euro per aver aggredito, nel 2000 in Kenia, il manager di un hotel. Sei anni fa Ernst era già stato condannato a sborsare 445 mila euro per lo stesso reato. Non è la prima, e siamo certi che non sarà neanche l’ultima, volta che il principe fa libero uso di mani e piedi dopo aver alzato di molto il gomito ed è adirato. Tende facilmente a perdere la pazienza e a commettere le stesse sfrenatezze.

Josef Brunlehner, il povero manager picchiato, sarebbe stato colpevole degli schiamazzi, della musica assordante e della forte illuminazione proveniente dalla discoteca dell’albergo in cui alloggiava appunto il principe di Hannover, nell’isola di Lamu.

Il nuovo processo, tenutosi a Hildesheim, nel centro-nord della Germania, è stato reso possibile per via della testimonianza di Carolina che aveva confermato l’accaduto così come raccontato dal marito. Ernst ha testimoniato d’aver dato a Brunleher solo “due schiaffi simbolici”, negando d’averlo malmenato sotto l’influenza dell’alcool e respingendo le accuse da lui ritenute “bugie e invenzioni grottesche”. Se non altro il tribunale tedesco ha dimezzato la multa che Ernst dovrà pagare (da 445 mila a 200 mila).

Photo credit | VALERY HACHE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>