Giuliana De Sio: “Non c’è stato nessun camerino distrutto”

di Redazione 672 views0

Lividi, rabbia e tanti voti bassi. A “Ballando con le stelle” si alternano allenamenti durissimi settimanali con i momenti live in cui i concorrenti si misurano con il giudizio – spesso inclemente – dei giudici. Questa volta è toccato a Giuliana De Sio fare i conti con la severità del quintetto più acido della televisione.

E sono proprio i giudici del programma che, sabato scorso, hanno alimentato le voci su un piccolo mistero avvenuto in diretta. Secondo quanto scritto sui social prima da Zazzaroni e poi dalla Lucarelli, una Giuliana De Sio inviperita per i giudizi negativi sulla sua esibizione si sarebbe lasciata andare ad uno sfogo di ira distruggendo il camerino che la ospitava. Anche Milly Carlucci chiede in diretta informazioni sull’attrice e ottiene la risposta di Paolo Belli, che dice: “Non è tanto per il voto che ha preso, è molto arrabbiata con la giuria.

> GIULIANA DE SIO RINNEGA LA STORIA CON MARIO DE FELICE

La De Sio rispedisce le accuse al mittente e in un post su Facebook ci tiene a precisare che non ha distrutto niente, non era arrabbiara, e che i giurati hanno messo in giro voci false e infondate:

non c è stato alcun camerino distrutto (CHISSA’ PERCHé questa è una classica fantasia dei gay, la diva che distrugge i camerini come in un film degli anni cinquanta). Non distruggo le cose degli altri e nemmeno cerco di distruggere esseri umani come state facendo voi con me in questa trasmissione raccontando bugie. Per la cronaca ero in infermeria e attendevo in mutande che mi riportassero il vestito per l’esibizione che era stato cucito troppo stretto. Sul mio stato d animo non dico niente. come ho detto in diretta “mi piaccio di più quando taccio “e in questa trasmissione ho quasi sempre solo taciuto e ballato (almeno ci ho provato)

> BALLANDO CON LE STELLE 12, GIULIANA DE SIO: PARTECIPERO’ PER SUPERARE IL DOLORE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>