Amici 16, nuovo attacco di Morgan: “Ragazzi segregati”

di Sara Bianchessi 1.204 views0

Nuovo attacco di Morgan ad Amici 16, secondo lui i ragazzi sarebbero segregati, tanto da invocare l’interessamento degli ispettori sociali.

Nuove dichiarazioni esplosive dell’ex direttore artistico della squadra bianca a Il Messaggero:

Maria De Filippi? Le ho scritto per dirle che mi sembra come la regina cattiva di Biancaneve. Io sono l’amico dei sette nani, voglio fare concerti con loro, mentre lei è nella sua stanza a fare le pozioni magiche.

Secondo Morgan i ragazzi sarebbero soggiogati:

Quello che dicono non è la loro voce diretta, vivono in una situazione buia. Hanno fatto di tutto per farci litigare. Non mi permettevano di incontrarli, ogni volta che lo chiedevo facevano orecchie da mercante. Ho proposto pezzi sofisticati che avrebbero avuto bisogno di essere spiegati, ma non avevo modo di farlo. Mi censuravano, come quando ho proposto Hey you dei Pink Floyd, mi sembrava un pezzo perfetto per unire i figli ai padri, spiegando il significato di The wall. C’era gente che non sa nulla di musica che mi spronava, pensando al prodotto televisivo: dicono che non ti sopportano, vai da loro, digli che fanno o come dici tu o se ne vanno. I ragazzi fanno parte di un sistema, accecati dall’idea del successo, ma vivono come segregati, come schiavi, in case con telecamere e senza finestre. Non possono usare neppure i cellulari. Poi vengono buttati in scena messi sui banconi. Vivono nel panico, altro che talento. Che si vergognino. Voglio che ci vadano gli ispettori sociali a vedere qual è la situazione. Anche i genitori devono chiedere informazioni. Che fine ha fatto Strego, l’eliminato della prima puntata? Lo tengono ancora lì? Perché?

Per quanto continuerà il fiume di accuse?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>