Morgan in diretta su Facebook: “I ragazzi di amici sono trattati come schiavi”

di Anna Maria Cantarella 757 views0

E’ un fiume in piena Morgan che nelle ultime ore si difende dalle parole di Maria De Filippi – false a suo parere – che sostiene che il suo allontanamento dal programma è dovuto alla mancanza di feeling tra lui e i ragazzi. Morgan la pensa diversamente e accusa il programma di essere falso, costruito, con storie montate ad arte dagli autori per raccontare al pubblico cose che in realtà non sono mai accadute. La diretta Facebook è intitolata “NEMICI di Marco Castoldi” e si tratta di un lungo monologo in cui Morgan ha una parola per tutti, dal programma agli autori fino alla presentatrice.

> AMICI 16, MORGAN REPLICA A MARIA DE FILIPPI DOPO L’ADDIO: “SONO STATO OFFESO E TRATTATO MALE

Il talento di questi ragazzi, ai signori che chiameremo da ora in poi “i cattivoni”, non importa assolutamente. E’ una bala! Questi fanno i programmi per arricchirsi, per vendere gli spot pubblicitari e soprattutto per farne del mercato becero una volta che escono dal talent. Ma il problema fondamentale è che, quando sono là dentro, sono trattati esattamente come si trattavano gli schiavi nei galeoni. Vivono in casette senza finestre, senza libri, non ci sono pianoforti, on ci sono strumenti didattici e non ci sono didatti! Non ci sono persone competenti per stare con ragazzi, spesso minorenni.

> MORGAN FUORI DA AMICI 16. MARIA DE FILIPPI: “LO CONSIDERO UN MIO FALLIMENTO”

E poi rincara la dose accusando “Amici” di non essere interessato alla divulgazione della musica e dela cultura, ma solo a compiacere l’ignoranza del pubblico e di tenere soggiogati i ragazzi come burattini:

Io ho a cuore lo sviluppare un senso critico di autonomia e di scelta nella loro personalità, ma non solo nella personalità musicale, anche nella personalità in generale, cioè che diventino delle persone capaci di scegliere. E’ impossibile che una persona come me sia ben vista perchè l’, invece, l’obiettivo dei cattivoni è di plagiare e tenere sotto controllo in manipolazione e in cupezza, in situazione dove devono agire incosapevolmente come burattini disanimati, tutti secondo le volotà dei “cattivoni”. Devono essere più che dei militari. Devono essere incatenati. […] Amici” è un cimitero di idee. Vengono uccise molto prima che qualcuno le possa condividere. Uccidono le idee di chi si permette di generarle. Vige la paura, pochezza, il panico, la freddezza. […] Io credo che Mediaset sia responsabile di un abbassamento del livello culturale pesantissimo che ha avuto il nostro Paese negli ultimi vent’anni e sono entrato per capire in cosa consiste questa pessima missione che hanno i cattivoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>