Arisa, Mia Martini non sarebbe morta se ci fosse stato Facebook

di Eleonora Costa 469 views0

Arisa è perennemente nell’occhio del ciclone e anche l’ultima dichiarazione rilasciata su Facebook si è portata dietro una marea di critiche per la cantante potentina che tira in ballo la grande Mia Martini. Vediamo una parte di quello che ha scritto Arisa sul suo profilo.

ARISA RISPONDE AGLI INSULTI RICEVUTI SU FACEBOOK

Ricevo fiotte di e-mail e di messaggi di gente preoccupata per me. I capelli rasati sembra abbiano sorpreso parecchio ( ma se uno ha caldo deve per forza soffrire?)e il video dove facevo finta di saper parlare un’altra lingua ( che ho tolto perchè ho letto qualche commento in cui mi si rimproverava di spaventare i bambini), e il video con mia nipote Teresa dove suoniamo il piano senza vergogna ( di non saper suonare il piano). Uff… Sono arrivata fino in Turchia per starmene a piangere sul balcone. Ma credo sia un passaggio obbligatorio. Di riflessione profonda, di purificazione. Entro la fine dell’estate sarò alcorrente di tutto. Adesso non so niente. Ma non è reato. Capita. Passerà? […] Tutti si meravigliano inoltre che io usi la mia pagina ufficiale come una sorta di diario/confessionale. Io non ci trovo niente di strano. Credo che se ci fosse stato fb Mimì non sarebbe morta, perchè nell’immensa solitudine avrebbe sorriso ogni tanto, grazie a qualche matto, fuori di testa che le consigliava di “uscire le tette” per avere più fans.. In questo momento io sono Rosalba Pippa in Arte Arisa, ed ho solo questo. E voi mi fate compagnia più di chiunque altro adesso. Poi magari tra un pò arriverà qualcosa,e poi qualcuno e poi qualcun altro, di piccola taglia che mi chiamerà mamma e non potrò più dedicarvi tanto tempo.
Per ora ho i rubinetti aperti. Ma per esperienza vi dico che.. I rubinetti aperti dissetano i campi e fanno crescere frutti dolci e succosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>