Aldo Grasso critica J-AX per Sorci Verdi

di Eleonora Costa 86 views0

Non ha avuto troppo successo Sorci Verdi, il programma condotto da J-AX su Rai 2 in seconda serata. Tanti sono stati gli ospiti di grido (Maria De Filippi e Fedez su tutti, invitati nel tentativo di alzare gli ascolti) ma la trasmissione non è mai decollata e i critici tv l’hanno proprio stroncata, definendola una brutta copia del Bagaglino. Tra i più agguerriti c’è Aldo Grasso: ecco il suo commento su Il Corriere della Sera nel quale, pur riconoscendo la buona idea di base del programma, non può che parlarne male.

J-AX SI DIFENDE DALLA CRITICHE DOPO SORCI VERDI

Ben venga il tentativo di ridare fiato alla seconda serata, ma questa trasmissione è un monumento alla distanza enorme che separa le intenzioni dai risultati. Il modello esplicito, ancora una volta, è quello del late show e di David Letterman: il monologo, l’intervista, le clip video, il contrappunto sonoro della band (qui capeggiata da Paolo Jannacci), persino le classifiche. In teoria ripensato in salsa cattiva e dissacrante, con sarcasmo e parolacce: ma i proclami da soli non bastano. Sorci verdi affastella in modo confuso e trascina troppo a lungo gli elementi di una tv passata, già vista, persino rimpianta: i pupazzi, le parodie della fiction, dei factual e della pubblicità, le finte inchieste. La struttura e l’umorismo sono quelle di una bacheca di Facebook, con sproloqui, tormentoni, foto e video virali, politica generica e tantissima auto-analisi. E persino la buona idea del simulatore di rap finisce per riproporre il Bagaglino nascosto dalla grafica alla Mortal Kombat. Quanto è accomodante questa trasgressione

Photo Credits | Facebook J-Ax

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>