Maria De Filippi difende Uomini e Donne: non è diseducativo

di Eleonora Costa 854 views0

Uomini e Donne è da sempre programma molto criticato ma Maria De Filippi, che lo conduce ormai da tantissimi anni, dice di non trovarlo un programma diseducativo. La popolare conduttrice di Canale 5 difende dunque la sua creatura, sottolineando come gli ascolti siano rimasti immutati nel tempo nonostante le tante critiche.

Ecco cosa dice Maria De Filippi su Uomini e Donne, in una intervista rilasciata al Corriere della Sera-La lettura:

Non lo trovo diseducativo, l’educazione spetta ai genitori e alla scuola, non penso debba essere compito mio. Basta navigare su Internet o guardare Facebook: Uomini e Donne altro non è che quello che adesso i i ragazzi fanno su Internet e su Facebook. Identico. Lo criticano ma lo guardano, il dato di ascolto è sempre rimasto uguale nel tempo. Ultimamente ho visto un pullulare di Uomini e Donne in tutte le reti, da Sky a Discovery, pian piano spuntano succursali una dietro l’altra. A me non annoia, io l’ho sempre preso come un divertimento, non ho mai pensato di fare una televisione che dovesse insegnare qualcosa

Critiche rimandate a chi in tutti questi anni non ha fatto altro che attaccare Uomini e Donne giudicandolo un programma tash e a tratti troppo urlato, con Tina Cipollari in prima linea a esasperare i toni. E sul successo di tutti i suoi programmi, Maria De Filippi dice:

Ascolto davvero, non ho chissà quali chiaroveggenze e faccio una vita tale per cui non ho tutti questi rapporti e contatti. Ho cambiato il contenuto dei programmi piano piano, seguendo quello che mi suggerivano da casa. Però io non penso di essere cambiata televisivamente più di tanto: detesto sempre i sermoni in televisione, non amo la sfacciataggine dei conduttori, non mi piace chi commenta e si mette sul piedistallo

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>