Le lacrime di Mario Balotelli dopo la finale Italia-Spagna agli Europei 2012

di Maris Matteucci Commenta

Le lacrime di Mario Balotelli dopo Italia-Spagna di ieri sera...

Il sogno europeo dell’Italia si è infranto contro una Spagna nettamente superiore che ha strapazzato gli azzurri (4-0) nella finalissima di ieri sera a Kiev, in Ucraina.

Azzurri dominati in lungo e in largo e costretti a giocare in dieci l’ultima mezz’ora quando Thiago Motta, entrato da appena due minuti al posto di Montolivo, è dovuto uscire in barella per uno stiramento e Cesare Prandelli non aveva più cambi a disposizione avendo già fatto entrare Balzaretti e Di Natale.


Al triplice fischio finale molti calciatori azzurri sono scoppiati in lacrime: qualche veterano (per esempio Andrea Pirlo, tra l’altro a sorpresa visto che di solito è molto misurato) e molti giovanissimi tra cui Mario Balotelli, colui che l’Italia l’aveva trascinata in finale mettendo a segno una strepitosa doppietta contro la Germania che aveva fatto esplodere di gioia il popolo italiano.

MARIO BALOTELLI PROTAGONISTA DI ITALIA-GERMANIA: LE FOTO!

L’attaccante del Manchester City già sul 4-0 della Spagna si era buttato per terra senza più forze, visibilmente provato e dispiaciuto per un risultato così pesante, e al triplice fischio finale è scoppiato a piangere. A niente è servito il tentativo di consolarlo da parte del ct dell’Italia Cesare Prandelli che in lui ha creduto fin da subito: SuperMario non riusciva a calmarsi e ha continuato a piangere disperato anche dopo la premiazione, con la medaglia al collo dei “secondi classificati”.

Dall’altro lato del campo c’era la Spagna che esultava con il trofeo in mano, quel trofeo che tutti gli azzurri (tifosi compresi) speravano di potersi accaparrare. Di seguito una piccola gallery di Mario Balotelli in lacrime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>