Greta Manuzi vince Amici 12, Gabriele Paolini spiega perché

di Maris Matteucci Commenta

Greta Manuzi vince Amici 12, Gabriele Paolini spiega perché

greta manuzi

Greta Manuzi vincerà Amici 12. Almeno questo è il pensiero del disturbatore televisivo per eccellenza, Gabriele Paolini, che in un video pubblicato su youtube spiega i motivi che porterebbo alla vittoria certa della cantante dei bianchi.

I finalisti di Amici 12 sono quattro: oltre a Greta Manuzi ci sono infatti Verdiana Zangaro e Nicolò Noto (rispettivamente cantante e ballerino dei blu) e Moreno Donadoni, rapper dei bianchi.


Ma questi non avrebbero alcuna chance di vincere dato che sarebbe già tutto scritto. Greta Manuzi dovrebbe vincere Amici 12 per un accordo tra i vertici Mediaset e la Carosello Records, che ha prodotto il primo singolo di Greta intitolato Solo rumore. E’ chiaro che, accaparrandosi la vittoria finale, la cantante dei bianchi avrebbe sicuramente più visibilità e le sue quotazioni sul mercato musicale aumenterebbero in modo anche importante.

Nel video postato su youtube, Gabriele Paolini fa notare come quest’anno il meccanismo di Amici sia stato molto diverso dagli anni passati, con le puntare registrate e con la possibilità tolta al pubblico a casa di votare gli allievi in gara ritenuti più meritevoli di arrivare in finale. Insomma Greta Manuzi sarebbe stata come “protetta” da canale 5, secondo il disturbatore televisivo che rende poi noto di avere formalmente denunciato il fatto alla Procura di Roma. Paolini invita anche tutti i sostenitori degli altri finalisti – e dunque Moreno Donadoni, Verdiana Zangaro e Nicolò Noto – a mobilitarsi sui social network affinché quella che lui chiama “truffa di Amici 12” possa essere smascherata.

Ci risiamo dunque. Come tutti gli anni il programma di canale 5 condotto da Maria De Filippi viene attraversato da voci piuttosto insistenti che lo vorrebbero pilotato. Era stato così negli anni precedenti, è stato così anche quest’anno con le accuse pesanti di Emanuele Corvaglia e Chiara Provvidenza i quali, una volta eliminati, avevano detto che tutto era già scritto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>