Sinead O’Connor ha tentato il suicidio

di Fabiana Commenta

La cantante irlandese ha tentato il suicidio per due volte, poi ha chiesto aiuto su Twitter

Prima ha tentato il suicidio, poi ha chiesto aiuto. Solo la scorsa settimana Sinead O’Connor ha tentato di togliersi la vita per ben due volte.

Prima ha ingerito una massiccia dose di pillole ed è stata portata in ospedale mentre si trovava a Los Angeles. Dimessa dopo due giorni e con una caviglia rotta, la cantante ci ha riprovato non appena tornata in Irlanda.

A quel punto ha chiesto aiuto tramite Twitter ai propri followers non prima di aver dato l’annuncio choc “Sono andata in overdose”. Poi il nuovo tweet “Qualcuno conosce uno psichiatra a Dublino o Wicklow che può vedermi oggi con urgenza?

Sono in pericolo” ha scritto la controversa cantante irlandese.
I suoi followers hanno subito risposto inondandola di numeri e lei sembra aver apprezzato molto il gesto ringraziandoli subito.

Molto popolare negli Anni Novanta anche per le sue provocazioni, Sinead è tornata al centro del gossip dopo aver pubblicato un post in cui si diceva alla disperata ricerca di un uomo.

Dopo soli tre mesi di frequentazione ha sposato, lo scorso 8 dicembre a Las Vegas, l’uomo che ha conosciuto proprio tramite l’annuncio.

E dopo soli 16 giorni di matrimonio la cantante ha annunciato la separazione dal neo marito Barry Herridge salvo poi ricominciare a frequentarlo come fidanzato la scorsa settimana.

I problemi con la droga non sono però nuovi per la cantante che proprio di recente ha anche svelato di aver costretto il neomarito alla ricerca di crack anche la prima notte di nozze.

E neppure la tentazione del suicidio sembra essere una novità: la tormentata cantante aveva già provato a togliersi la vita 11 anni fa. Speriamo che ora riesca a trovare un po’ di serenità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>