Giorgia racconta di aver avuto due aborti prima dell’arrivo del figlio Samuel

di Maris Matteucci Commenta

Giorgia si racconta in una intervista in edicola oggi su Vanity Fair

E’ una Giorgia dichiaratamente felice quella che oggi possiamo ammirare in edicola sulle pagine di Vanity Fair che dedica alla cantante romana la sua copertina.

Ma non è stato sempre tutto rosa e fiori per la mamma di Samuel (che a febbraio farà due anni e che è, come ovvio, il suo primo amore): in passato Giorgia ha dovuto affrontare un periodo difficile costellato, purtroppo, anche da due aborti che hanno lasciato il segno dentro di lei facendole perdere fiducia in se stessa.


Ad aiutarla a rimanere a galla è stato il suo compagno Emanuel, di 8 anni più giovane di lei e padre di suo figlio Samuel. Ma all’inizio, racconta Giorgia, lei era molto sulla difensiva. La morte dell’ex fidanzato Alex Baroni l’aveva resa diffidente verso la vita e verso gli uomini in generale. Soltanto grazie alla grande pazienza di Emanuel è riuscita invece a ritrovare il sorriso.

A minare ulteriormente la tranquillità della cantante romana, poi, un altro spiacevole evento: due aborti spontanei che hanno rischiato di farla cadere dentro un meccanismo pericoloso, quello che lei stessa definisce “di autocompiacimento della sofferenza“. In situazioni come queste, dice Giorgia, è l’uomo che fa la differenza in positivo o in negativo. Ed il suo compagno Emanuel l’ha fatta decisamente in positivo: Giorgia racconta che era quasi ossessionata dal fatto di voler rimanere incinta a tutti i costi ed Emanuel l’ha molto aiutata in questo senso. Tanto che quando ha smesso di pensarci il bambino è arrivato.

Adesso la romana è felicissima e non perde occasione per urlarlo al mondo. E alla vita privata che va a gonfie vele si accosta anche il futuro lavorativo che la vedrà protagonista in tour con il suo ultimo album “Dietro le apparenze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>