Rita Dalla Chiesa dice di essere stata ingannata

di Cristina Baruffi 1

Come ben saprete Forum è stato ampiamente criticato per aver usato un'attrice abruzzese che ha parlato male dei terremotati de L'Aquila difendendo a spada tratta l'operato del governo, così come le avevano chiesto gli autori della celebre trasmissione televisiva.

Come ben saprete Forum è stato ampiamente criticato per aver usato un’attrice abruzzese che ha parlato male dei terremotati de L’Aquila difendendo a spada tratta l’operato del governo, così come le avevano chiesto gli autori della celebre trasmissione televisiva.
Rita Dalla Chiesa dopo aver ricevuto un Tapiro D’Oro per la pessima figura si difende sulle pagine di Repubblica parlando di raggiro e spiegando ai giornalisti di essere stata ingannata. La conduttrice e tutto lo staff sono stati accusati dai terremotati di avere scritto la sceneggiatura di una puntata a favore di Silvio Berlusconi, infatti Marina Villa (la donna ingaggiata da Forum) doveva ripetere frasi come “L’Aquila è ricostruita”, La vita è ricominciata”; chi si lamenta “lo fa per mangiare e dormire gratis” scatenando la furia di tutti gli aquilani.


La Dalla Chiesa cerca di abbassare i toni dicendo che è vero che l’attrice parlava di ricostruzione, ma che il parere del finto marito bilanciava la situazione. L’attrice è stata pagata 300 euro per partecipare alla storica trasmissione di Rete 4 e Rita spiega che non si può gridare allo scandalo perché si tratta di figuranti e non di storie vere.
La conduttrice difende la sua integrità morale dicendo che lei spiega ai telespettatori che le storie vengono interpretate da attori, peccato però che queste parole non sono mai state sentite da nessuno e che i nomi degli attori non compaiono mai nei titoli di coda come ha sottolineato Veronica Maya in una recente intervista, in cui veniva accusata dalla conduttrice di averle rubato il format.

Commenti (1)

  1. Certo che lavorando in Mediaset e ricevendo lo stipendio da Sua Maesta`mi sarei stupito se avesse detto il contrario!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>