Melissa Satta infuriata su Twitter per i cori razzisti contro Boateng

di Maris Matteucci Commenta

Melissa Satta infuriata su Twitter per i cori razzisti contro Boateng

I cori razzisti contro Kevin Prince Boateng – che hanno portato alla sospensione dell’amichevole tra Milan e Pro Patria – non sono andati giù (giustamente!) a Melissa Satta che sul suo profilo Twitter esprime tutto il suo disappunto per la situazione che ha visto protagonista il suo fidanzato.

La ex velina di Striscia la notizia – che con il giocatore rossonero fa coppia fissa da quasi un anno e mezzo ormai – punta il dito contro il gruppetto di tifosi giunti a Busto Arsizio (dove si giocava la partita) con il chiaro intento di rovinare una giornata di sport.


Vergogna – scrive Melissa Satta su Twitter – è gente che non merita niente“. In effetti dopo la partita interrotta i media hanno dato grande risalto allo spiacevole episodio che, purtroppo, non è nemmeno il primo ad accadere nel mondo del calcio. Melissa Satta, evidentemente toccata nel vivo, si è sentita però di esprimere con modi civili la sua amarezza.

MELISSA SATTA RACCONTA LA SUA VITA CON BOATENG

D’altronde lo stesso Kevin Prince Boateng era stato particolarmente colpito dalla situazione, tanto da calciare via il pallone all’ennesimo buuu razzista ed infilare la strada degli spogliatoi insieme al resto dei compagni. Il giocatore rossonero ha ricevuto poi la comprensione ed il sostegno dei giocatori avversari che fin da subito hanno condannato i tifosi bustocchi.

Kevin Prince comunque ha avuto di che consolarsi visto che al rientro a casa ha trovato la sua Melissa, con la quale convive ormai dall’estate. La cosa tra i due è stata seria fin da subito: e c’è chi dice che il 2013 potrebbe essere l’anno buono per convolare a nozze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>