Anna Tatangelo, ferita dalle cattiveria sulla mia storia con Gigi D’Alessio

di Ma.Ma. 245 views0

Anna Tatangelo è stata ieri ospite di Paola Perego a Domenica In e ai microfoni della trasmissione di Rai 1 ha raccontato un po’ di sé tornando anche ad affrontare le cattiverie che si sono dette sulla storia tra lei e il cantante Gigi D’Alessio.

Anna Tatangelo si è dichiarata ferita da tutte le voci infondate anche se alla fine ragione l’ha avuta lei perché dopo tanti anni la cantante e il napoletano di molti anni più grande stanno ancora insieme.

Forse non mi viene perdonata la mia storia d’amore, la colpa non lo so… alla fine io avevo 18 anni e ho avuto la fortuna di provare le sensazioni che ti dà l’amore. Due sono le possibilità, o lo vivi o ti fermi e lo vivi col rimpianto. Io e Gigi non ci siamo fermati, ci sono tante cose che vogliamo ancora fare insieme. A diciott’anni, quando sei innamorata, non capisci proprio più niente. La critica che mi ha ferito di più è quella sul rapporto con il mio compagno. All’inizio pensavano tutti che fosse una storiella così. Quella è stata la cosa che mi ha ferito, come se non credessero ai nostri sentimenti

ANNA TATANGELO, BASTA DIRE CHE SEMBRO VECCHIA

Anna Tatangelo ha poi raccontato di quanto è bello essere madre:

Ogni volta che guardo in faccia mio figlio cerco sempre il meglio per lui. Cerco di impegnarmi tanto, mi ritengo una persona fortunata perché amo la musica, ma quando sono a casa io sono Anna, la mamma di Andrea. Quando vieni da tante critiche diventare mamma ti fa crescere. Io sono letteralmente cambiata, prima ce l’avevo col mondo perché non riuscivo a scoprirmi, lui mi fa avere una visione diversa della vita. Io credo che qualsiasi mamma, quando hai tuo figlio che ti abbraccia, è come se avessi fatto la parte più importante della tua vita. Tutto il resto è divertimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>