Arisa in lacrime a Domenica In, ecco perché

di Eleonora Costa 159 views0

Arisa ha vinto Sanremo 2014 tra le polemiche e forse anche per questo la antante potentina, al momento della proclamazione, non si è lasciata andare ad alcuna emozione. Non un sorriso, non una lacrima di commozione, niente di niente per lei che, poco prima di ricantare la canzone che l’ha portata al trionfo, ha dichiarato “State pure tranquilli, io non mi scompongo“.

Ma a Domenica In, che ieri l’ha ospitata, Arisa si è scomposta eccome. La cantante vincitrice di Sanremo 2014 ha abbandonato in lacrime lo studio dopo avere visto un filmato lanciato dalla conduttrice Mara Venier e che raccoglieva l’intervista della mamma di lei, orgogliosa di quella figlia che, negli anni, è stata capace di scalare la gigante montagna del successo.

PAOLA PEREGO CRITICA IL LOOK DI ARISA A SANREMO, LE SI VEDEVA LA PANCIA

E alla mamma, Arisa non ha saputo resistere: la cantante è scoppiata in lacrime e ha abbandonato lo studio, travolta dall’emozione di rivedere sua mamma. Ma c’è chi dice che il pianto di Arisa sia stato solo il classico calo di tensione, dopo giorni in cui la potentina era stata al centro delle polemiche per alcune voci di plagio circa la canzone che ha portato sul palco dell’Ariston. “Controvento“, questo il titolo del pezzo che ha trionfato a Sanremo 2014, sembra a molti troppo simile a un altro brano, “Entra nel cuore” di Micol Barsanti.

La questione ha tenuto banco sui social e ha visto anche l’esperto di musica Red Ronnie in prima fila nel fare notare la troppa somiglianza tra i due brani. Arisa si era già detta piuttosto stanca di tutte quelle voci di contorno e probabilmente, una volta arrivata la vittoria, si è lasciata un po’ andare finendo per piangere davanti alle telecamere di Domenica In.

Lacrime o no, la cantante potentina può comunque festeggiare per una vittoria arrivata inaspettata, visto che le previsione davano favoritissomo Francesco Renga che non è arrivato nemmeno tra i primi tre.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>