Gianluca Grignani racconta la sua infanzia difficile

di Ma.Ma. 856 views0

Gianluca Grignani è sempre stato, ed è tutt’ora, un personaggio piuttosto complicato, diciamo così. Più volte infatti il cantante si è reso protagonista di vicende non proprio entusiasmanti, non ultimo l’arresto del luglio 2014 in quel di Riccione.

GIANLUCA GRIGNANI ARRESTATO A RICCIONE

Il cantante si racconta in una intervista rilasciata per Visto nella quale racconta della sua infanzia difficile. E senza vergogna ammette che molte delle sue lacune sono dovute al poco amore ricevuto.

Mia madre è una donna dura, molto dura. Mi è stato più volte chiesto come mai non la cercassi. La risposta l’ho ottenuta andando da uno psichiatra. Mi ha spiegato che tutto ha origine dalle sue assenze: lei non c’era quando la cercavo e questo, a suo avviso, era il modo giusto di educarmi. Anzi, quando più avanti le ho chiesto spiegazioni, lei mi ha risposto che lo faceva proprio apposta, perché era così che dovevo crescere

Gianluca Grignani si dice incapace di esprimere dolcezza perché è un sentimento che non gli è mai appertenuto.

Vorrei essere stato abbracciato di più o amato di più. Così sarei stato più dolce… Non so esprimere la mia dolcezza perché è una dolcezza interna, molto personale, molto mia. Io non sono capace di accarezzare. […] Mia madre è una donna forte. Se io fossi stato una madre, non sarei stato così

Insomma una infanzia difficile che lo ha condizionato in tutto. Ed è adesso troppo tardi per correre ai ripari. Gianluca Grignani conclude la sua intervista con un augurio:

Sono complicato, mi faccio mille paranoie, ho paura di sbagliare, voglio sempre essere all’altezza della situazione. Non voglio commettere l’errore di indurre i miei figli ad avere paura di me, perché sono una persona abbastanza chiusa

Photo Credits | Facebook Gianluca Grignani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>