Tiziano Ferro, ho sofferto di ansia e nascondo molte insicurezze

di Emma 245 views0

Acclamato negli stadi come una vera e propria popstar, famosissimo anche all’estero, in realtà Tiziano Ferro nasconde non poche debolezze, come ha confessato in una recente intervista al Corriere della Sera.

Intanto il cantante sta per concludere con successo il tour negli stadi che chiuderà a Verona il prossimo 8 luglio: un grande successo per lui nonostante abbia dichiarato di essersi sentito piuttosto nervoso prima dell’inizio del tour. Il cantante svela di aver sofferto di ansia in passato, ma di essere riuscito a superare questo problema grazie a un nuovo stile di vita.

Amo i rimedi alternativi, mi piace rispettare il corpo: solo così, se non sforzato ma stimolato nel modo giusto, il fisico può superare i suoi limiti.

E nonostante Ferro non possa che essere soddisfatto della sua vita e della sua carriera, non esita ad ammette di sentirsi ancora molto insicuro a causa del suo passato da ex obeso.

Chi, come me, è stato grasso può perdere chili, ma non cambiare del tutto la testa: mi porto dietro tante piccole forme mentali, come se fossi tuttora quel ragazzo sovrappeso. Ho anche insicurezze sul fronte della socialità: sono sempre stato dis-integrato, solitario, è l’aspetto di me che più collide con il mio lavoro perché non amo le folle inutili, le feste mondane. C’è chi non lo capisce, ma per me la musica è altro, un mondo parallelo.

TIZIANO FERRO, SE TORNASSI INDIETRO PARLEREI PRIMA DELLA MIA OMOSESSUALITA’

E il cantante, che qualche anno fa ha fatto outing dichiarando la propria omosessualità, non può non commentare quello che accade nel nostro Paese.

È triste che nel 2015 ci si debba ancora nascondere per il semplice fatto che si ama, ma in Italia siamo nel Terzo mondo.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>