Aldo Grasso promuove Tu Si Que Vales

di Eleonora Costa 589 views0

Tu Si Que Vales ha chiuso la sua terza stagione con il botto e riceve anche i complimenti di Aldo Grasso. Sul Corriere della Sera, il critico spende belle parole per la trasmissione condotta da Belen Rodriguez e Simone Rugiati che vede in Maria De Filippi la vera timoniera.

Ecco le parole di Aldo Grasso su Tu Si Que Vales:

ANTONELLA CLERICI CRITICATA DA ALDO GRASSO

Nato per rimpiazzare Italia’s got talent, il format inizialmente proposto da Canale 5 e poi migrato su Sky, Tu sí que vales ha saputo nel tempo trovare una sua identità ben precisa. Il meccanismo è quello classico dei talenti alla ribalta, uno dei più antichi della televisione e della radio: permette di spaziare tra molti toni, di virare in un lampo dalla comicità all’emozione, dalla rappresentazione del «fenomeno da baraccone» alla dimostrazione dell’eccellenza che per vari motivi non è ancora riuscita a trovare la sua strada. I talenti esibiti sono di tipologie molto varie, si va dalle gare di droni al paracadutismo acrobatico, dalla musica al ballo fino al monologo comico. È una fiera dell’eccentricità e della curiosità, del talento e del «caso umano». C’è molto montaggio, che aiuta a tenere serrato il ritmo del racconto, senza sbavature. Ma qual è la cifra distintiva? Sicuramente la giuria, composta da volti bandiera di Mediaset, tutti molto mainstream, perfetto specchio di un approccio generalista all’intrattenimento. Il ruolo di «cattivo» se lo dividono Rudy Zerbi e Teo Mammucari, nuovo ingresso di questa stagione, Gerry Scotti gioca sulle corde dell’emozione e dell’empatia con le storie dei concorrenti. Maria De Filippi tiene saldamente il comando, si sente la sua autorità quando interviene, mentre Mara Venier è in quota «pancia del Paese», di cui si rivela un’attenta interprete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>