Kasia Smutniak a cuore aperto: Mi manca Pietro Taricone

di Maris Matteucci Commenta

Kasia Smutniak a cuore aperto: Mi manca Pietro Taricone

La morte del compagno Pietro Taricone (avvenuta nel giugno di due anni fa) ha lasciato un vuoro incolmabile in Kasia Smutniak che dall’attore casertano ha avuto anche una figlia, la piccola Sophie.

L’attrice polacca ha cercato di guardare avanti ed ha voltato pagina, ritrovando anche l’amore per Domenico Procacci, prima suo grande amico e amico anche di Pietro Taricone. Ma in una lunga intervista a Grazia, Kasia Smutniak racconta il dolore per aver perso la persona amata.


Un dolore che nessun altro uomo potrà colmare. Così l’attrice di racconta al settimanale che le dedica un lungo servizio. Il periodo peggiore è la primavera perché con il freddo e il brutto tempo Kasia Smutniak riesce a sopportare meglio il vuoto lasciatole dal padre di sua figlia. “La primavera mi ammazza – racconta a cuore aperto l’attrice -. Quando c’è la pioggia o fa freddo quello che è successo mi sembra più sopportabile, come se il sole mi invitasse a una festa a cui non me la sento di partecipare totalmente. Pietro era davvero uno diverso“. E proprio in merito a Pietro Taricone, Kasia Smutniak aggiunge parole bellissime: “Pietro mi ha insegnato la libertà di fare scelte dettate solo dal mio cuore e dalla mia testa“.

Oggi Kasia Smutniak è felicemente accompagnata a Domenico Procacci, uomo che le è stato molto vicino dopo la tragedia e che tutt’oggi capisce bene che il vuoto lasciato da Pietro Taricone non potrà mai essere colmato:Domenico è iperattivo, non a caso abbiamo tanti interessi in comune – svela la Smutniak -, a cominciare dalla montagna. Però a differenza di ma ha un equilibrio reale. Altrimenti non avrebbe l’umanità e l’intelligenza di capire che il dolore con cui convivo non toglie niente al nostro legame, e il nostro legame non toglie niente a quel dolore“.

KASIA SMUTNIAK SI DIFENDE DALLE ACCUSE DI AVER DIMENTICATO PIETRO TARICONE

In passato Kasia Smutniak era stata accusata di aver voltato pagina troppo velocemente dimenticando con altrettanta fretta il defunto compagno. Lei si è sempre difesa da quelle accuse che, a nostro avviso, sono state dure e particolarmente ingiuste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>