Cambio di location per i naufraghi

di Nadine Chiara Manzoni Commenta

Il maltempo degli ultimi giorni non accenna a diminuire, così viene proposta ai concorrenti una nuova isoletta..

playa uva la nuova location per i naufraghi

Cambio di location per i naufraghi dell’ isola. Il maltempo degli ultimi giorni non accenna a diminuire, così viene proposta ai concorrenti una nuova isoletta sui cui trascorrere i prossimi giorni. Inizialmente colti da curiosità, i naufraghi scoprono ben presto che anche la nuova ubicazione, detta Playa Uva, offre ben poche risorse.

La produzione, a causa del cattivo tempo, decide di dare ai concorrenti del cibo, ormai praticamente impossibile da reperire in autonomia.


I naufraghi sono un po’ disorientati e il nervosismo si fa già sentire. Il battibecco più vivace quello tra Luxuria e la contessa De Blank. Secondo l’ ex parlamentare, Patrizia non avrebbe rispettato l’ accordo fatto in precedenza. Patrizia al momento di scegliere chi salvare dai lavori forzati, opta per Rossano, facendo finire ai lavori forzati una donna, cosa inconcepibile per Vladimir.

Ne nasce una discussione alquanto accesa, la “nobildonna” accusa Vladimir in senso denigratorio di essere solo una trans, ma la stessa risponde di preferire di gran lunga la sua condizione piuttosto che quella di contessa cafona.


I complimenti si sprecano, Vladimir accusa anche il bel Rossano Rubicondi di non essere un vero uomo per aver chiesto alla contessa di salvarlo. Alla fine i concorrenti esausti dalla discussione e dalle difficili condizioni ambientali si tranquillizzano e tornano a darsi da fare. Così, per questa settimana è Ela Weber a essere stata trasferita sulla spiaggetta in tutta solitudine, l’impresa da superare è particolarmente ardua, la Weber torna dal gruppo dichiarando la prova non superata.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>