Pippa Middleton a scuola di bon ton

di Fabiana Commenta

La sorella di Kate ricorre a un esperto d’immagine per non far sfigurare la Duchessa di Cambridge

Nel corso degli ultimi tempi la paparazzatissima Pippa Middleton ha visto la sua fama offuscarsi.

Poche settimane fa la sorella della Duchessa di Cambridge è stata protagonista di uno spiacevole episodio in Francia: mentre si recava in auto in aeroporto dopo aver trascorso un weekend di relax, uno dei suoi amici ha sfoderato una pistola contro i paparazzi che li inseguivano.

Si trattava in realtà di una pistola giocattolo, ma la notizia ha fatto non poco scalpore anche considerando che durante la foto incriminata Pippa sorrideva.

A questo punto però Pippa ha urgente necessità di ricostruirsi una nuova immagine visto che già prima non era molto simpatica alla Regina Elisabetta, per non dire quasi invisa. Per rifarsi l’immagine Pippa ha deciso di affidarsi alla consulenza di David Wynne-Morgan, esperto di casa reale che dovrebbe darle qualche dritta su come comportarsi.

PIPPA MIDDLETON HA RISCHIATO DI ESSERE ARRESTATA IN FRANCIA

Pippa in questo modo rischia di far sfigurare la sorella e sembra che in diverse occasioni la sua presenza a Corte non sia stata molto gradita. Da quando Pippa è salita alla ribalta mondiale come damigella durante il matrimonio di William e Kate Middleton lo scorso anno, i paparazzi si sono scatenati e la minore delle sorelle Middleton è stata continuamente seguita dai fotografi.

Alla Regina non piace il fatto che sia sempre l’occhio dei riflettori anche perla sua movimentata vita sociale, ma c’è da dire che Pippa è riuscita a sfruttare al meglio l’improvvisa notorietà che le è piovuta addosso anche perché è riuscita a firmare un ricco contratto con una casa editrice londinese per un libro di prossima uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>