Belen Rodriguez chiede scusa ai paparazzi

di Maris Matteucci Commenta

Belen Rodriguez chiede scusa ai paparazzi

belen rodriguez

Belen Rodriguez è stata ospite questo pomeriggio di Verissimo, il programma rotocalco di canale 5 condotto da Silvia Toffanin. L’argentina è sembrata in ottima forma ad un mese scarso dal parto: con un mini abito che metteva in evidenza il suo seno prorompente, Belen ha raccontato il suo primo mese da mamma di Santiago.

E, tra le altre cose, ha chiesto scusa ai paparazzi per i modi un po’ trubbo bruschi da lei usati soprattutto sl finire della gravidanza, quando più di una volta aveva espresso il suo disappunto nei confronti dell’obiettivo.


Anche noi di spettegola vi abbiamo più volte documentato l’insofferenza di Belen Rodriguez davanti ai paparazzi che la tampinavano a Milano nelle ultime settimane prima del parto. L’ospitata da Verissimo, dunque, è stata colta al volo della showgirl che ha chiesto pubblicamente scusa a tutti giustificandosi dietro ad una tempesta ormonale (normale tra l’altro per le donne in gravidanza).

BELEN RODRIGUEZ MANDA A QUEL PAESE I PAPARAZZI DI NOVELLA 2000

Tra le tante cose rivelate, Belen Rodriguez ha raccontato di uno Stefano De Martino perfetto in versione papà: “Cambia benissimo il pannolino a Santiago“, ha detto l’argentina sorridente. E sull’abbandono di Amici 12 da parte del ballerino napoletano, la showgirl ha spiegato: “Si è detto di tutto ma la verità è che altrimenti non ci saremmo visti mai, solo alla domenica. Invece lui ha parlato con la produzione di Maria De Filippi, ha raccontato le sue ragioni e come sempre sono stati tutti molto comprensivi“.

La vita da mamma le piace anche se la presenza costante dei paparazzi non aiuta la showgirl che, scherzando, ha detto di truccarsi e prepararsi anche per scendere a fare spesa: “So che ci sono dodici fotografi sotto casa, non posso scendere tutta messa male“, ha raccontato scherzando a Silvia Toffanin.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>