Oscar Pistorius arrestato per aver ucciso la fidanzata

di Fabiana Commenta

Il campione olimpico ha ucciso la fidanzata. Secondo le prime ricostruzioni l’avrebbe scambiata per il ladro

Tragedia di San Valentino in Sudafrica. Il campione Oscar Pistorius è stato arrestato per aver sparato e ucciso la fidanzata, la modella Reeva Steenkamp, 30 anni.

Tutto sarebbe ancora da chiarire, ma secondo le prime indiscrezioni trapelate Pistorius avrebbe scambiato la ragazza per un ladro che tentava d’introdursi in casa, circondata da alte mura di protezione con cani da guardia, nella zona residenziale di Silver Lakes, a Pretoria.

Nulla è stato sufficiente però per evitare una tragica fatalità che ha portato il campione olimpico a sparare e ad uccidere la sua compagna, colpita al braccio e alla testa e deceduta intorno alla quattro del mattino, morta sul colpo. I media locali parlavano di un uomo di 26 anni arrestato: si tratterebbe proprio di Pistorius che è stato fermato per omicidio e che dovrà essere interrogato dal magistrato. La stampa locale azzarda le prime ipotesi e parla di un tragico incidente visto che la donna potrebbe essere stata scambiata per un ladro dall’atleta: probabilmente la modella stava cercando d’introdursi in casa di Pistorius per fargli una sorpresa per San Valentino.

La coppia si frequentava dallo scorso novembre e la famiglia di Reeva Steenkamp ha dichiarato di essere devastata dalla notizia. E Oscar Pisturius, già alla vigilia di Londra 2012, aveva dichiarato di dormire in camera dal letto con una pistola e un mitra, abitudine che riteneva portarsi dietro anche in Inghilterra, considerando che il Sudafrica è uno dei Paesi con il più alto tasso di criminalità al mondo. Adesso l’interrogatorio potrà chiarire la dinamica della tragedia.

Soprannominato Blade Runner, Oscar Pistorius detiene il record del mondo sui  100, 200 e 400 metri piani nella categoria T44. Colpito dalla doppia amputazione alle gambe quando era ancora bambino, essendo nato senza fibule, Pistorius da adulto è riuscito a infrangere le regole dello sport paralimpico partecipando nel 2012 alle Olimpiadi di Londra diventando il primo atleta della storia a vincere una medaglia in una competizione per normodotati. Corre grazie a sofisticate protesi in fibra di carbonio.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>