Rossella Brescia, pianto a dirotto in tribunale

di Fabiana 332 views0

Rossella Brescia piange a dirotto in tribunale a causa dello Zoo di 105.


Ebbene sì: durante l’udienza in tribunale la ballerina non è riuscita a trattenere le lacrime ripensando alle “accuse” che le sono state mosse da Marco Mazzoli e Gilberto Penza, presentatori della trasmissione radio Lo Zoo di 105.

L’accusa per diffamazione presentata dalla Brescia nei confronti dei due speaker radiofonici, risale in realtà a un episodio di qualche anno fa: nel corso della puntata dell’8 ottobre 2012 Mazzoli aveva ironizzato in trasmissione che la showgirl pugliese aveva

inventato un modo nuovo per arrivare in televisione senza fare la gavetta.

Il riferimento era chiaro dato che Rossella Brescia è stata sposata con il potente regista Roberto Cenci, allora regista di Buona Domenica, dal 2000 al 2004. I due speaker non si erano fermati lì, ma avevano continuato con illazioni e battute a sfondo sessuale nei confronti della Brescia. Davvero troppo per la ballerina che li ha denunciati per diffamazione. Nel corso dell’udienza di ieri in tribunale Rosella Brescia ha raccontato la sua versione dei fatti spiegando che la sua carriera è il frutto di sacrifici e impegno e non certo di favori sessuali.

Ho faticato all’Accademia per imparare a ballare. I miei genitori si sono sacrificati per aiutarmi. Il successo è il frutto del mio sudore. Non mi sono mai umiliata per ottenere un lavoro.

A offendere maggiormente la ballerina è stato anche il modo in cui gli speaker hanno reagito dissolvendosi nel nulla.

Nessuno dei due speaker mi ha chiesto scusa per l’attacco volgare.

ROSSELLA BRESCIA CONTRO BELEN RODRIGUEZ

Ha detto Rossella Brescia che sembra non essere avvezza ad ascoltare lo Zoo di 105. Chi segue il programma sa bene che i due speaker non hanno peli sulla lingua e prendono di mira chiunque.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>