Selvaggia Lucarelli, la virtù in comune di Enrico Letta e Jennifer Aniston

di Fabiana 1.044 views0

Che cos’hanno in comune Enrico Letta e Jennifer Aniston? Apparentemente nulla potrebbe unire l’ex premier italiano e l’attrice statunitense, ma in effetti entrambi sembrano essere dotati di una buona dose di pazienza.

Una vera e propria virtù che Selvaggia Lucarelli ha voluto mettere in evidenza fra il serio e il faceto.

Il 2016 ha premiato due persone che hanno saputo aspettare pazientemente.

Ha scritto in un divertente, ma amaro tweet la giornalista de Il fatto quotidiano. Nella foto, figurano l’uno accanto all’altro, Jennifer Aniston ed Enrico Letta premiati per la loro pazienza che alla fine di tutto sono riusciti ad ottenere la loro vendetta anche a distanza di anni.

Lo sa bene Jennifer Aniston che con ogni probabilità avrà gioito del divorzio, arrivato come un fulmine a ciel sereno, di Brad Pitt e Angelina Jolie. Dopo dieci anni di convivenza, due di matrimonio e sei figli, tra adottati e naturali, la coppia si è detta definitivamente addio.

ANGELINA JOLIE CHIEDE IL DIVORZIO DA BRAD PITT

E la Aniston, scaricata da Brad Pitt dopo il colpo di fulmine con Angelina Jolie, dieci anni or sono sul set di Mr. E Mrs. Smith, ha avuto finalmente la sua vendetta dopo anni in cui i Brangelina non hanno fatto altro che parlare della loro felicità.

SELVAGGIA LUCARELLI CONTRO UOMINI E DONNE, GUARDARLO È REATO

Anche Enrico Letta però può dirsi soddisfatto: l’ex premier si era visto scippare la poltrona di Palazzo Chigi da Matteo Renzi dopo il celebre tweet “stai sereno” cui è seguita la pugnalata politica. E con le dimissioni di Renzi travolto dal no al referendum costituzionale è arrivata anche la vendetta per Letta.

Al tweet di Selvaggia Lucarelli è arrivata immediatamente la risposta di Enrico Letta che ha replicato con un incisivo

Apperò

Garbato, ma feroce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>