Elisabetta Canalis, all’asta per beneficenza l’abito di nozze

di Emma 140 views0

Un bel gesto di solidarietà da parte di Elisabetta Canalis che ha deciso di mettere all’asta il suo abito di nozze in pizzo e seta disegnato in esclusiva dallo stilista abruzzese Alessandro Angelozzi.
L’annuncio è arrivato ieri via Twitter dove la ex velina ha scritto tutti i dettagli della sua iniziativa.

L’abito di nozze sarà messo in vendita a partire dalle ore 10 di lunedì 22 settembre e fino al 6 ottobre sarà possibile fare le offerte: il denaro raccolto sarà interamente devoluto in beneficenza alla Comunità Caritas di Alghero che si occupa dell’accoglienza dei minori. Elisabetta si augura ovviamente di ricevere un buon numero di offerte anche considerando che l’abito messo in vendita rappresenta il più importante della sua vita, coma ha voluto specificare nel post. Insomma un gesto concreto della neo sposa che ha voluto ringraziare la sua città, la città di Alghero per la collaborazione e la disponibilità in occasione delle sue nozze che hanno portato non poco scompiglio fra chiusure e divieti.

ELISABETTA CANALIS HA SPOSATO BRIAN PERRI, I RINGRZIAMENTI DI AD ALGHERO SU TWTTER

La Canalis, che aveva già ringraziato la sua città subito dopo le nozze per l’affetto ricevuto, è convolata a nozze con il fidanzato, ormai marito, il chirurgo americano Brian Perri, la scorsa domenica 14 ottobre. La cerimonia di nozze si è celebrata nel pomeriggio, ospiti oltre 150 invitati fra parenti e amici della coppia: tutto è andato per il meglio anche se, diciamo la verità, il matrimonio è stato un po’ rovinato dalla presenza di Belen Rodriguez che con la scelta di un look totalmente inadeguato per l’occasione, non solo ha rischiato di oscurare la sposa, ma ha anche catalizzato l’attenzione dei giorni successivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>