Fiorello critica i talent

di Ma.Ma. 103 views0

Sono tanti i presentatori e i cantanti affermati che sono scettici sui talent e uno di questi è Fiorello che, in una intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni, si mostra perplesso sulla reale efficacia di questi programmi che ogni anno sfornano presunti talenti.

Ecco cosa ha detto Fiorello sui talent.

Se oggi un Fiorello ventenne andasse a X Factor non lo prenderebbero, a Tu sì que vales nemmeno. E se facesse un provino a Zelig lo manderebbero via: non so far ridere in tre minuti. I talent premiano la tecnica. Ma per fare il mio mestiere non basta essere bravissimi cantanti o ballerini o imitatori: devi essere te stesso. E io sono così grazie a tutto quello che mi ha riservato la vita: i 20 anni di villagi turistici, la perdita di mio padre a 28 anni, la famiglia che ho accanto, il percorso professionale che mi ha portato fin qui

MARCO BALDINI, NUOVA FRECCIATINA A FIORELLO

Insomma lo showman siciliano è convinto che i talent siano una ottima vetrina ma che alla fine non consentano di imparare davvero un mestiere. A Tv Sorrisi e Canzoni Fiorello parla anche di Sanremo e dei suoi prossimi impegni di lavoro.

Avevo detto a Carlo Conti che sarei andato a Sanremo, ma senza precisare l’anno! Mi piacerebbe fare l’ospite al Festival, ma dovrebbe essere una sorpresa e questo non è possibile, perché mesi prima del Festival si conoscono i nomi degli ospiti, il giorno in cui arrivano, quanto prendono. Invece io ci andrei anche gratis […] E’ bello che tanta gente mi chieda: quando torni? Fino al 2016 ho il tour. Dopo non so. Sarà quando mi sentirò pronto. Anche perché sarà l’ultimo show della mia carriera. Vorrei smettere bere. Non voglio stare in tv fino a 80 anni. Una volta dissi ‘a 50 anni smetto’. Ma la parola di un guitto non vale

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>