Elisa Isoardi, ho avuto un tumore alle corde vocali

di Fabiana 313 views0

Qualche tempo fa Elisa Isoardi, modella e conduttrice di Uno Mattina, decise di lasciare la trasmissione televisiva che la vedeva accanto a Duilio Gianmaria: ai dirigenti Rai accennò di avere dei problemi di salute, ma solo adesso ha trovato il coraggio di confessare la verità. La conduttrice ha rilasciato una lunga intervista a DiPiù in cui ha rivelato di aver avuto un tumore alle corde vocali, ma di essere riuscita a sconfiggerlo.

E dire che il sospetto e la consapevolezza di essere malata sono arrivati quasi casualmente: proprio a Uno Mattina era stato inviato un noto otorinolaringoiatra e quando il medico cominciò a elencare i sintomi tipici dei tumori alle corde vocali, Elisa Isoardi ha cominciato a capire di appartenere alla categoria di malati. Successivamente fu proprio lo stesso medico a visitarla e a diagnosticarle la presenza di un grosso polipo che le comprimeva la corda vocale destra.

La conduttrice ha raccontato di essersi sottoposta all’operazione, ma di aver dovuto affrontare un decorso post operatorio alquanto complicato costretta a rimanere in silenzio per 7 giorni. Anche adesso la conduttrice continua a seguire esercizi di logopedia per rinforzare le corde vocali, ma fortunatamente le cose sono andare per il meglio anche perché il polipo era di natura benigna.

Nonostante quasi ogni settimana il gossip le affibbiasse qualche nuovo flirt, Elisa Isoardi spiega di essere stata decisamente troppo impegnata per poter pensare all’amore. Adesso è single (in passato <strong>è stata legata allo chef Simone Rugiati)da diverso tempo e nonostante non rinunci all’idea di formarsi una famiglia, si dedica al lavoro anche perché in autunno tornerà sugli schermi di RaiUno con la trasmissione A conti Fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>