Matteo Salvini, la ex moglie contro Elisa Isoardi: Non bastano due tette

di Ma.Ma. 177 views0

Il flirt tra Matteo Salvini e Elisa Isoardi ha riempito per qualche tempo le pagine dei settimanali di gossip mentre lui negava e lei invece affermava di avere una storia in corso con il leader della Lega. Ma oggi che tutto è finito, ad entrare in scivolata sulla showgirl televisiva è la ex moglie di Matteo Salvini. Non ci va giù troppo leggera e afferma convinta di non avere mai pensato che la bella Elisa potesse davvero interessare a Salvini. Il motivo? Non bastano due tette che camminano.

Le affermazioni della ex moglie di Matteo Salvini sono state raccolte dal settimanale a Vanity Fair. Fabrizia Ieluzzi, ex moglie di Salvini, parte all’attacco e difende Giulia Martinelli che sarebbe stata mollata da salvini proprio per il flirt con Elisa Isoardi.

Quando arrivi in alto, devi tenere gli occhi aperti perché c’è sempre qualcuno che ti liscia il pelo, o che sta con te perché vuole ottenere qualcosa. Teo è un po’ ingenuo da questo punto di vista, ci sta che qualcosa ci sia stato con questa tizia (che sarebbe appunti Elisa Isoardi), non ne ho idea, ma di certo non è una storia.

MATTEO SALVINI, LITIGIO CON LILLI GRUBER PER ELISA ISOARDI

L’attacco di Fabrizia Ieluzzi continua:

Da ex moglie, quindi vale doppio, posso testimoniare che Matteo e Giulia sono due anime gemelle, le metà della stessa mela. Lei è una militante della Lega, sono cresciuti insieme; anzi, posso dire che lui l’amava da quando erano pistolini, c’era anche prima di me. Lei è nel suo cuore, non la levi nemmeno con lo scalpello. Ti pare che bastano due tette che camminano per riuscirci? Io sono pronta a scommettere che torneranno insieme. Una cosa del genere, nell’economia di una vita insieme, si supera

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>