Belen Rodriguez, ringrazio Maria De Filippi che con me ha chiuso un occhio per Santiago

di Ma.Ma. 133 views0

Belen Rodriguez protagonista sul settimanale Tv Sorrisi e Canzoni che le dedica una lunga intervista nella quale l’argentina non perde occasione per ringraziare pubblicamente Maria De Filippi che con lei ha chiuso un occhio per Santiago. In che senso?

Consentendole di portarlo negli studi di Tu Si que Vales, il programma che Belen Rodriguez conduce insieme a Francesco Sole al sabato su Canale 5. Il regolamento prevederebbe il divieto di portare i piccoli in studio ma Maria De Filippi, che nel programma è in giuria insieme a Rudy Zerbi e Gerry Scotti, ha fatto uno strappo alla regola. E allora per la showgirl argentina è diventato tutto più semplice. Per questo motivo Belen Rodriguez ci tiene a ringraziare Maria De Filippi che si è rivelata particolarmente sensibile e comprensiva nei suoi confronti.

Sono riuscita a conciliare la mia vita da mamma con il lavoro senza troppi problemi. Quando vado via più di un giorno porto il piccolo con me. Negli studi non potrebbe entrare ma Maria De Filippi chiude un occhio e Santiago è diventato la mascotte. Se non lo porto guai! E anche lui si trova particolarmente a suo agio! I bambini sono attratti dalle luci e lui si elettrizza. Lo show poi è pieno di personaggi strani e Santiago si diverte moltissimo

BELEN RODRIGUEZ, NUOVE FOTO SU FACEBOOK

La vita da mamma da Belen Rodriguez è praticamente perfetta anche se l’argentina se la immaginava meno impegnativa:

A volte lo lascio con il padre e la tata, ma in generale passo piu’ tempo possibile con lui. E’ piu’ impegnativo di quanto pensassi. Prima c’ero solo io: adesso continuo a fare tutto, ma in modalità diversa, perché mi sento in colpa se non sto con lui

Photo Credits | Facebook Belen Rodriguez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>