Loredana Lecciso offesa sui social: Denuncio tutti

di Ma.Ma. 1.049 views0

Da molto tempo ormai Loredana Lecciso viene sistematicamente offesa sui social ma la calabrese non è più disposta a tollerare. E così ha deciso di denunciare tutti coloro che ogni giorno su Instagram, Twitter e Facebook usano pesanti aprole nei suoi confronti.

Loredana Lecciso ha anticipato la sua decisione nel corso di una intervista rilasciata a a Tgcom:

Sono per la libertà d’espressione, ma i social sono tanto belli quanto pericolosi. Da anni subisco attacchi pubblici attraverso vari social network (Facebook Twitter), altamente lesivi della mia persona, nonostante ciò non ho mai voluto procedere per evitare il clamore di eventuali denunce da me sporte, ora basta

LOREDANA LECCISO, ECCO COME VIVO IL FEELING TRA ALBANO E ROMINA POWER

E poi aggiunge:

Voglio precisare per evitare qualsiasi speculazione mediatica – diffido oltretutto chiunque a farlo – che sono convinta che i titolari dei profili in questione siano sicuramente estranei ai fatti e probabilmente inconsapevoli del contenuto altamente lesivo di tali commenti. Oltretutto sono certa che da genitori avrebbero agito nello stesso identico modo adottando anche loro, ahimè, questo accorgimento

Loredana Lecciso ha comunque un buon rapporto con i social:

Sono molto utili, ma anche tanto pericolosi e delicati. Essendo adesso, i miei due figli minori (avuti dal mio compagno Albano Carrisi) giunti in età adolescenziale, e potendo subire conseguenze psicologiche leggendo varie offese gratuite, non sono più disposta a tollerare tali comportamenti

Nonostante ciò, le tante offese ricevute negli ultimi tempi hanno indotto la compagna (o ex?) di Albano a recarsi presso la Procura della Repubblica di Brindisi per sporgere regolare denuncia contro alcuni utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>