Daniela Santanchè casta da un anno

di Nadine Chiara Manzoni 1

La Santanchè, dopo la rottura con il suo ex compagno Canio Mazzaro, si dichiara fiera di essere single..

Daniela SantanchèL’affascinante Daniela Santanchè, leader femminile de La Destra, confida a una giornalista i segreti della sua vita intima. La Santanchè, dopo la rottura con il suo ex compagno Canio Mazzaro, si dichiara fiera di essere single, sostenendo che il concetto condiviso che una donna single non possa essere pienamente soddisfatta della propria vita sia da sfatare.

E così Daniela dichiara di non far sesso da oltre un anno: dopo la rottura non ha più avuto l’esigenza di avere un uomo al suo fianco e ha preferito dedicarsi completamente a suo figlio Lorenzo, di dodici anni. Secondo quanto dichiarato dalla Santanchè, gli uomini sanno con che genere di donna hanno a che fare: lei, infatti, si ritiene una donna poco abordabile, difficile da conquistare e particolarmente preziosa.

Quindi, la castità sembra davvero non pesarle affatto, anche perché secondo i valori in cui crede Daniela, è giusto che suo figlio sappia che la propria madre ha avuto esclusivamente un uomo. Che siano un po’ arretrate le convinzioni dell’ imprenditrice?



D’altronde il suo ex compagno una vita se l’è rifatta, visto che da qualche mese è legato sentimentalmente a Rita Rusic. Nonostante ciò nell’intervista Daniela dichiara di non gradire le famiglie allargate e di voler trascorrere la sua estate dedicandosi al figlio, alla cura della casa e al lavoro, e rinunciando quindi agli completamente agli uomini. Contenta lei…contenti tutti!

Nadine

Commenti (1)

  1. cara daniela fai bene a dedicarti a tuo figlio e ammiro molto la tua castità e purezza, complimenti. così porterai onore alle donne che vengono spesso considerate di “poca fede”! ciao niki

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>