Fiorello spiega perché ha cancellato il suo account Twitter

di Fabiana Commenta

Lo showman riappare di nuovo e pubblica un video su YouTube

L’improvvisa cancellazione dell’account Twitter di Fiorello, aveva gettato i followers dello show man nello scompiglio più totale. Ora, a distanza di qualche giorno Fiorello riappare, ma non su Twitter.

Lo showman ha registrato la sua nuova incursione nell’edicola di Cesare (gestita dal figlio Francesco) pubblicando il video su Youtube. Protagonista di un breve video, Fiorello ha ironizzato sulla sua scomparsa dal celebre microblogging interrogando i presenti “Ma poi sapete perché è andato via?”.

Ironizzando sull’eccessivo spazio che i giornali gli hanno regalato interrogandosi sulla sua fuga da Twitter, Fiorello lascia semplicemente intendere il motivo che l’ha portato a scomparire dal social network. In molti hanno ipotizzato i motivi che hanno portato Fiorello a chiudere l’account, o il fatto che non avesse più trasmissioni da pubblicizzare o magari anche il fatto che lo showman abbia trovato un nuovo modo di far parlare di sé.

Fiorello si racconta a Vanity Fair

Quando Fiorello si congeda dall’edicola e dice “Saluto quelli che erano i miei follower, quelli seri”, il motivo del suo abbandono risulta chiaro. Evidentemente non sono state gradite le critiche ironiche sulla presunta e poi mancata liberazione dell’attivista Rossella Urru.

Fiorello aveva scritto un appello su Twitter chiedendo la liberazione della donna: quando sono arrivate le prime voci relative al suo rilascio, in molto hanno ironizzato sui “poteri magici” di Fiorello.

Fiorello e Sabina Guzzanti litigano su Twitter

L’ultimo tweet di Fiorello (Hip Hip Urru!) risale proprio al 3 marzo. Purtroppo poi la notizia della liberazione di Rossella si è rivelata infondata e dopo qualche tempo i messaggi sul suo profilo si sono rarefatti fino a che l’account non è stato del tutto chiuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>