Mario Balotelli piange in panchina durante Napoli-Milan – foto

di Ma.Ma. 80 views0

Brutta cosa lo stress e ne sa qualcosa Mario Balotelli che ieri sera, dopo la sostituzione in Napoli-Milan, si è messo in panchina e ha cominciato a piangere a dirotto come un bambino. Le foto stanno facendo il giro del web: siamo sempre stati abituati a vedere l’attaccante rossonero il versione Bad Boy e vedere le immagini che lo inchiodano in panchina, in in fiume di lacrime, hanno fatto notizia.

Che Mario Balotelli sia un po’ troppo stressato? Può darsi. D’altronde è stata una settimana particolarmente intensa per lui che su Twitter ha svelato al mondo intero la sua paternità: svelato dunque il mistero su chi fosse il vero padre della piccola Pia, la bambina messa al mondo ormai più di un anno fa da Raffaella Fico. E forse la nuova consapevolezza di essere padre, insieme ad un inevitabile calo di tensione (anche SuperMario è umano, bene a sapersi) ha fatto crollare il calciatore del Milan che ieri, al momento della sostituzione, si è lasciato andare ad un pianto liberatorio che non è di certo passato inosservato.

MARIO BALOTELLI SU TWITTER, PIA È MIA FIGLIA, IL TEST DEL DNA LO CONFERMA

Nuove settimane intense lo attendono, perché se lui ha deciso di chiedere rispetto per la sua vita privata inviando una lettera a Verissimo letta ieri pomeriggio da Silvia Toffanin, siamo sicuri che dello stesso parere non sarà Raffaella Fico che già in passato aveva dato dimostrazione di non essere così restìa a raccontare la sua vita privata in televisione. La napoletana, sempre convinta della paternità di Mario Balotelli, sarà dunque soddisfatta di avere avuto ragione e vorrà probabilmente sbandierare le sue emozioni i tv, magari da Barbara DUrso che tante volte l’ha ospitata in questi mesi.

Mario Balotelli invece chiede rispetto e nella lettera letta da Silvia Toffanin scrive: “Non parteciperò a nessuna trasmissione tv perché il mio lavoro si pratica su un campo in erba, non voglio per favore speculazioni su questa vicenda. […] Spero che il mio silenzio possa far capire che ora c’è una minorenne di mezzo che non conosce i meccanismi televisivi e dei media“.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>