Gianni Morandi racconta i minuti tragici dell’incidente

di Gio Tuzzi 362 views0

Era l’11 marzo quando Gianni Morandi fu ricoverato all’ospedale di Cesena dopo un incidente domestico piuttosto serio che ha rischiato di metterlo KO.

Dopo mesi di riabilitazione, a cui si sta tra l’altro ancora sottoponendo con cure certosine da parte della moglie Anna, finalmente Gianni Morandi è ritornato al suo lavoro, grazie al singolo L’Allegria, brano scritto da Jovanotti per lui.

L’improvvisa collaborazione lampo con Jovanotti per L’Allegria

Una collaborazione nata dal nulla e nel giro di pochissimo tempo, Morandi ha confessato di aver ascoltato questo brano per la prima volta il 5 giugno, l’11 giugno già è uscito sulle varie piattaforme musicali digitali. Una velocità dettata dalla voglia di Gianni Morandi di ritornare alla normalità e soprattutto poter cantare un inno di gioia alla vita dopo un periodo davvero brutto per tutti gli italiani ed ancor di più per lui dopo il grave incidente domestico.

In un’intervista al Corriere della sera, Gianni Morandi ha parlato per la prima volta di ciò che gli è capitato quel pomeriggio dell’11 marzo, un pomeriggio che doveva essere normale e tranquillo come tutti gli altri e che invece si stava trasformando in una vera e propria tragedia. Il cantante di Monghidoro parla di miracolo, di qualcuno che dal cielo gli ha dato una mano, perché in quei minuti concitati stava realmente rischiando di finire bruciato vivo.

Il racconto di Gianni Morandi sull’incidente

Il tutto è accaduto mentre stava bruciando, com’è solito fare avvisando anche la Protezione civile, delle sterpaglie all’interno di una buca di circa un metro di profondità. Gianni ha affermato che in quel momento c’era un legno verde che non riusciva ad andare giù ed ha perso un forcale mentre stava provando a spingerlo più in profondità, ma tale gesto gli stava costando la vita perché ha perso l’equilibrio ed è finito all’interno di questa buca.

Un incidente a tutti gli effetti, capitato in maniera assolutamente inaspettata, anche perché Gianni era solito attuare quella pratica. Una volta finito nella buca è riuscito ad aggrapparsi ad un ramo bruciato e a tirarsi su, anche se non riesce ancora a capire come abbia trovato la forza giusta ed è per questo che pensa che qualcuno dal cielo gli abbia dato una mano. Una volta uscito dal fuoco si è buttato in mezzo al prato urlando e piangendo dal dolore e ci sono voluti venti minuti per tornare a casa e chiamare poi i soccorsi. Inizialmente pensava di non essersi procurato gravi ferite, poi ha notato la gravità e si è ritrovato con il 15% del corpo ustionato. Una brutta avventura che grazie al brano L’Allegria ha già messo alle spalle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>