Giovanni Cottone contro Valeria Marini, mi ha lasciato per un altro

di Fabiana 87 views0

Ha tutte le carte in regola per diventare una vera e propria soap opera la separazione fra Valeria Marini e Giovanni Cottone. A meno di un anno dal fatidico sì nella Basilica dell’Ara Coeli a Roma alla presenza di 700 invitati, la coppia si sta separando riconquistando ben presto l’attenzione del gossip.

Valeria Marini ha parlato per prima spiegando che il matrimonio non era mai “stato consumato”, ma Cottone le aveva già risposto per le rime smentendo la showgirl e rivelando di come lei si vantasse con le amiche per le sue capacità amatorie.

La Marini poi ha contro-replicato spiegando di come il marito fosse cambiato subito dopo il matrimonio e di come fosse diventato così arrogante da non riconoscerlo nemmeno più: lei tra l’altro avrebbe voluto un figlio, lui no.
A parlare adesso, in esclusiva a Oggi, è ancora una volta Giovanni Cottone che ha rivelato i veri motivi della separazione: Valeria si è innamorata di un altro uomo e ha deciso di mandare all’aria il matrimonio. Il patron della Lambretta spiega che dovrebbe essere lui a dover chiedere l’annullamento alla Sacra Rota visto che la moglie non è neppure stata in grado di onorare il sacramento del matrimonio che prevede la fedeltà…

VALERIA MARINI, HO LASCIATO COTTONE PERCHÈ NON POTEVA DARMI UN FIGLIO

Cottone ribadisce ancora una volta che non è stato lui a volere la separazione: è lui che continua a stare male e non lei (che dice di essere dimagrita di cinque chili per il dolore) e non si spiega come la ex rilasci dichiarazioni del genere in pubblico.

Insomma la situazione è sempre più ingarbugliata, ma è anche vero che qualcuno sospetta addirittura che la separazione fra Valeria Marini e Giovanni Cottone sia solo una montatura mediatica per poter raccattare un po’ di popolarità…

Photo Credits | Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>