Diletta Leotta: Pregiudizi su di me per colpa della bellezza

di Ma.Ma. 1.147 views0

Sul web è Diletta Leotta-mania: la popolare giornalista sportiva di Sky sta facendo man bassa tra i fan che, più che le sue capacità, apprezzano (probabilmente) anche le sue forme prorompenti. E proprio a causa della sua bellezza la siciliana ha dovuto fare i conti con qualche pregiudizio di troppo. Poco male però perché la determinazione l’ha portata molto in alto.

Diletta Leotta si racconta a Vanity Fair:

Pensare che all’università, mio papà mi disse di scegliere tra legge, medicina e ingegneria. Già durante la scuola lavoravo nelle reti locali. Ho fatto la gavetta in una trasmissione siciliana che si occupava di calcio, si chiamava ‘Sala Stampa’. Ho iniziato l’università a Catania ma quando si è presentata l’opportunità di saltare dentro Sky mi sono trasferita a Roma. A gennaio 2015 è arrivata la chiamata di SkySport, ho iniziato a studiare fino a notte fonda le squadre, giocatori di cui fino a quel momento ignoravo l’esistenza

DILETTA LEOTTA, LE FOTO PIÙ SEXY DELLA GIORNALISTA DI SKY SPORT

Ma la bellezza l’ha un po’ condizionata:

L’aspetto estetico è un fattore importante. Ed è inutile girarci intorno, i pregiudizi ci sono, li ho avvertiti, ma per me sono sempre stati uno stimolo. Invece di sapere 5 ti dimostro che so 100. Solo così li combatti e li sconfiggi

MATTEO MAMMI’, CHI E’ IL FIDANZATO DI DILETTA LEOTTA

Diletta Leotta vive tutta questa popolarità con molta calma:

Per me è come vivere in un sogno che diventa sempre più vero giorno dopo giorno. Non mi sento gli occhi addosso se giro per strada, vivo tutto col giusto distacco. Mi chiedono qualche selfie, è vero, ma finisce lì. Penso che sia dovuto anche al pubblico di Serie B che è molto caldo. Ogni settimana in studio mi fanno vedere gli striscioni, troppo belli! Ma ripeto, non mi accorgo di nulla: faccio la mia vita con i piedi per terra, e spero di restare sempre così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>