Marisela Federici attacca Barbara D’Urso: “Passate il pomeriggio a parlare di stupidaggini”

di Anna Maria Cantarella 1.483 views0

Barbara D’Urso a Domenica Live e il consueto teatrino domenicale durante il quale ne succedono di tutti i colori. Stavolta si parlava del lusso, della ricchezza e della sua ostentazione. Tra gli ospiti in studio Lory del Santo, Karina Cascella, Giulia de Lellis, Rosy Dilettuso e Pierluigi Diaco. In collegamento la nobil donna Marisela Federici, interpellata dopo la polemica sul servizio della Rai in cui lei mostrava la sua casa.

> BARBARA D’URSO: HO UNA VOGLIA MATTA DI INNAMORARMI

In studio, come al solito, si litiga molto, con toni accesi e contenuti pari a zero e la Federici, evidentemente infastidita, è intervenuta bruscamente:

Una delle cose più sagge della vita è non scomporsi mai, ma ti assicuro che oggi è difficile davanti a un simile spettacolo. Non voglio darmi delle arie, ma io non ho niente a che fare con queste signorine. Mi sento veramente imbarazzata, con i miei figli soprattutto, che detestano questa esibizione. Non ho niente a che fare con questa gente.

> BARBARA D’URSO: SONO SINGLE PERCHE’ NON RIESCO A FARMI PIACERE NESSUNO

Nessuno ascolta l’appello e le urla continuano, insieme alle inconcludenti discussioni senza capo nè coda da parte degli ospiti in studio che si insultano. La Federici interrompe ancora Barbara D’Urso e poi decide di abbandonare il talk:

Io trovo che sia un peccato parlare in questo modo alla gente che vi sta vedendo. E’ una vergogna, Barbara. E’ una specie di scherzi a parte al quale mi presto ampiamente. Io – e non mi interrompere – ti avrei parlato del Venezuela, del mio Paese che era ricchissimo e che adesso conosce la povertà, dove la gente muore di fame e dove non c’è da mangiare. E voi passate un pomeriggio a parlare di queste stupidaggini? E’ vergognoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>