Federica Sciarelli vs Barbara D’Urso, la guerra continua

di Ma.Ma. 330 views0

Ancora Barbara D’Urso nel mirino, stavolta di Federica Sciarelli che, riferendosi alla trasmissione Domenica Live, ha lanciato pesanti frecciatine verso la conduttrice napoletana di Canale 5.

L’attacco frontale avviene nel corso della puntata di Chi L’ha Visto: si parla del piccolo Loris Stival e di alcune interviste che sarebbero state pagate da Domenica Live. La giornalista di Rai 3 parte all’attacco contro la trasmissione di Barbara D’Urso.

Quello che un po’ si è perso è che un bambino è stato ucciso. È un fatto terribile. Le indagini sono finite, è un punto fermo. La procura ha deciso che è stata la madre. Ma, oltre a parlare della mamma del piccolo Loris, Veronica, si parla anche d’altro. Si parla di soldi presi per interviste televisive, di familiari che dicono una cosa quando sono soli e un’altra quando sono davanti alle telecamere. Noi diciamo sempre che non paghiamo, forse quelli della Rai fanno male ma, insomma, quello che abbiamo letto in queste carte… vi dico solo questo: ci sono alcuni familiari che escono dallo studio televisivo di turno con un assegno in tasca e la cosa più terribile è che di Loris non si parla. Quando si paga la testimonianza diventa falsata. Non bisogna mai pagare

Poi Federica Sciarelli parla di deontologia per i giornalista:

I numeri che abbiamo fatto erano sulle carte, erano quelle persone che facevano i tariffari […] Io voglio dire una cosa ai telespettatori. Noi giornalisti abbiamo un codice deontologico. Non tutti lo sanno, ma i giornalisti non possono fare la pubblicità perché sarebbe come sfruttare la propria immagine, pena la radiazione dall’albo. Quindi quando vedete qualcuno che fa le pubblicità, quello non è un giornalista. Iacopino aveva fatto una denuncia ma non è successo nulla. Questi signori hanno preso i soldi e a noi questa situazione non piace per niente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>