Carlo Cracco fuorioso sul web: Mi criticano per avere notorietà

di Eleonora Costa 208 views0

Non c’è pace per Carlo Cracco, finito nel mirino per la presunta scarsa qualità della cena organizzata per 400 invitati Vip in occasione del Viitaly di Verona. Ma il giudice di Masterchef stavolta sbotta sui social con un post nel quale dice che oggi criticarlo è diventato di moda per ottenere un briciolo di notorietà.

Nel mirino del post pubblicato da Carlo Cracco c’è l’articolo uscito su La Cronaca di Verona nel quale appunto non venivano spese belle parole nei suoi confronti. Lo chef ha replicato in modo secco, dicendo:

Oramai parlare male di me o attaccarmi per qualunque cosa è diventato l’hobby più ambito per ottenere più visualizzazioni o più notorietà.
Un modo per fare parlare di sè insomma.
Che sia un piccione, una cena che faccio o una frase che dico poco importa: a loro non interessa il cosa, ma il chi.
Parlando di me, sanno che faranno parlare di loro.
E il frutto di questo loro “lavoro”, o accanimento, lo sbandierano pure ai quattro venti e se ne compiacciono.
“Grande successo per noi”, scrivono loro.
“Grande tristezza”, penso io.
Avanti il prossimo.

Nell’articolo incriminato era stata scritto:

Se l’equipe di Veronafiere può brindare al grande successo del cinquantenario del Vinitaly, dove tutto è filato liscio con successo di pubblico, autorità, business e affari futuri, la stessa cosa non si può dire per il grande, così sembrava, chef Carlo Cracco che ha gestito la cena di gala nel cuore dell’anfiteatro areniano sabato scorso. Menu, qualità del cibo e relative mescolanze sono state per la gran parte dei 400 vip invitati una delusione. Il commento più buono reso è stato “migliori le patatine San Carlo di cui Cracco fa da testimonial”

E via con un elenco nutrito di piatti che Carlo Cracco avrebbe cucinato in malo modo. Bufala o verità? Quel che è certo è che il noto chef ultimamente viene spesso e volentieri criticato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>