Alena Seredova, i miei bambini hanno capito la mia sofferenza

di Fabiana 3.407 views0

Gigi Buffon e Ilaria D’Amico formano insieme un’altra di quelle famiglie allargate che hanno trovato la serenità: in vacanza con loro e con il figlioletto Leopoldo Mattia che ormai ha sei mesi, ci sono anche Pietro, il figlio che la giornalista ha avuto con il suo ex Rocco Attisani e David Lee e Louis Thomas che Buffon ha avuto con la ex moglie, Alena Seredova.


Per i bambini è arrivato il momento di salutare la mamma e trascorrere qualche giorno insieme al padre e alla sua nuova compagna in Versilia.

Chi ha paparazzato il momento del saluto dei bambini da mamma Alena: come in ogni famiglia divisa c’è sempre un minimo di malinconia per la separazione dalla madre anche se i successivi scatti mostrano che le vacanze in Versilia stanno andando davvero alla grande. Nonostante la separazione fra Buffon e la Seredova sia stata estremamente civile, la ex modella ha parlato per la prima volta proprio della periodo più buio che ha attraversato e che ha visto il coinvolgimento involontario anche dei suoi bambini.

Penso che i figli quando il rapporto entra in crisi vadano preparati al cambiamento che non è facile  da digerire. I bambini nei momenti più bui hanno colto la mia sofferenza: piangevo di notte. Vedendo sui giornali le foto di papà si rendevano conto che questo faceva male a me, ma anche a loro perché prima, al posto di quella signora che vedevano con papà, c’era la mamma. Hanno capito e combattuto e non ho avuto paura di rivolgermi a una psicologa per gestire i passaggi più delicati. I bambini oggi sono molto attaccati a me. Pochi giorni fa li ho portati a Forte dei Marmi, la più grande fatica è spiegare che papà vuole loro molto bene anche se lo vedono di meno. I bambini sono molto “materiali”, se non vedono non credono.

ALENA SEREDOVA E GLI AUGURI DI NATALE, LA VITA È MERAVIGLIOSA

Ha raccontato a cuore aperto la Seredova intervistata da Chi. Insomma se il periodo peggiore è passato e lei ha ritrovato il sorriso accanto ad Alessandro Nasi, il dolore per i bambini resta sempre immutato al di là di tutto.

photo credits| instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>