Barbara D’Urso denunciata dall’Ordine Giornalisti: Fa informazione sbagliata

di Gianni Puglisi 98 views0

Barbara D’Urso si atteggia a giornalista incallita eppure la napoletana non è iscritta all’Ordine e, soprattutto, fa un altro lavoro ovvero la conduttrice televisiva. Solo che i suoi programmi, in primis Pomeriggio 5, ultimamente si basano solo ed esclusivamente sui casi di cronaca nera, quei casi in cui non solo Barbara D’Urso marcia sopra (questo va detto). Ma adesso l’Ordine dei Giornalisti non ci sta e minaccia di passare all’attacco per denunciare tutti coloro che fanno informazione sbagliata, sminuendo il lavoro di chi invece, con grande professionalità, si batte per una informazione corretta.

Sulla pagina Facebook di Enzo Iacopino, Preisdente dell’Ordine dei Giornalisti, ecco che arrivano le prime osservazioni:

BASTA SOUBRETTE, ORA LE DENUNCIAMO. Senza distinzioni di genere (il sinonimo al maschile non lo conosco) o di reti sulle quali si esibiscono. L’informazione è materia delicata. Basta con l’occhio umido e la recitata partecipazione alle tragedie. Basta con il dolore come ingrediente dello spettacolo per fare audience

La denuncia contro Barbara D’Urso e chi fa informazione come lei continua:

L’esecutivo dell’Odg nazionale ha deciso che, senza eccezione alcuna, denuncerà alle magistratura per esercizio abusivo della professione giornalistica quanti galleggiano sul diritto dei cittadini all’informazione, senza dover rispondere a quelle regole deontologiche che impongono precisi doveri ai giornalisti

Insomma pur senza fare nomi, il riferimento alla conduttrice di Pomeriggio 5 appare evidente. La cosa farà fare un passo indietro a Barbara D’Urso? Noi ne dubitiamo. Staremo a vedere come reagirà la napoletana alla minaccia, neppure troppo velata, dell’Ordine.

Photo Credits | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>